Ritorna all'elenco Musei e Aree Archeologiche

Museo Archeologico Nazionale di Venosa (Pz)

Museo Archeologico Nazionale di Venosa (Pz)

Il museo è ospitato nei camminamenti seminterrati di collegamento tra i bastioni del castello aragonese, costruito nel 1470 da Pirro del Balzo.

È dedicato in particolare alla colonia latina di Venusia, fondata nel 291 a.C. e patria del poeta latino Orazio.

Tra i reperti relativi alle prime fasi dell'occupazione romana del Melfese si segnalano alcune ceramiche daunie.

Monete, elementi di decorazione architettonica e ceramiche permettono di definire la storia politica e culturale della città romana sino alle fasi più tarde.

Ben documentata è la raccolta epigrafica, sia a carattere funerario, sia relativa ad importanti opere pubbliche realizzate da magistrati di Venusia. Alla stessa sezione si riferiscono i cippi iscritti in lingua osca che, nella vicina Bantia (Banzi) durante il I secolo a.C. componevano un templum augurale: spazio aperto, consacrato, dove si traevano gli auspici attraverso il volo degli uccelli.

Epigrafi e arcosolii figurati testimoniano lo stanziamento di un'importante comunità ebraica che, tra IV e IX secolo d.C., seppellisce i propri defunti all'interno di catacombe contigue a quelle cristiane.

Una mostra permanente illustra anche le fasi più antiche della presenza dell'uomo nel territorio di Venosa, a partire dal frammento di femore di homo erectus (circa 300.000 anni fa), tra i più antichi rinvenuti in Europa.

Per saperne di più...

Carta della qualità dei servizi

 

Parco Archeologico

Il parco archeologico racchiude i resti monumentali della colonia latina di Venusia (fondata nel 291 a.C.) dal Periodo Repubblicano all’Età Medievale. Le fonti antiche narrano che la città fu fondata sulle vestigia di un abitato sannitico, del quale però le testimonianze archeologiche non forniscono adeguata documentazione. Sono presenti grandi complessi pubblici, quale l’impianto termale realizzato nel I sec. d.C. e ristrutturato fino al III sec. d.C., i quartieri abitativi, tra cui una domus con mosaici, e un isolato delimitato da due assi viari basolati. Fondale maestoso del percorso è l’Abbazia della Santissima Trinità, integralmente restaurata rendendo leggibili le diverse fasi costruttive: dalla domus romana imperiale al complesso episcopale paleocristiano, all’impianto abbaziale benedettino risalente all’epoca normanna. Nelle immediate vicinanze è visibile l’Anfiteatro, parte integrante dell’area archeologica. Il monumento si presenta in forma ellittica costruito su tre piani diversi.

Il percorso può essere arricchito dalla visita alle Catacombe Ebraiche previa richiesta e conseguente autorizzazione del Soprintendente.

 

Responsabile:

Indirizzo museo: Piazza Castello - c/o Castello Pirro del Balzo - 85029 Venosa (Pz)

Parco archeologico: Via Ofantina, loc. S. Rocco - 85029 Venosa (Pz)

Tel: 0972/36095

Fax: 0972/36095

E-mail:

Orari di apertura al pubblico museo: lunedì, 9.00-20.00; martedì, 14.00-20.00, mercoledì-domenica, 9.00-20.00

Parco archeologico: lunedì, mercoledì-domenica, 9.00-13.30; il pomeriggio su prenotazione

Giorni di chiusura: 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre

Biglietto di ingresso (per museo e parco archeologico): intero € 2,50; ridotto € 1,25; gratuito la prima domenica del mese; agevolazioni secondo le disposizioni vigenti nei musei statali  

 
  Largo Duomo 11 85100 Potenza  Tel. 0971/21719 Fax 0971/323261 C.F. 80004160760 IPA E7MD51
E-mail: sar-bas@beniculturali.it  Posta Elettronica Certificata
  Privacy  Note Legali Ultimo aggiornamento Venerdì 02 Gennaio 2009 10:11